Lo scarpone è senza dubbio, l’attrezzo più “personale” nella pratica dello sci, anche se di rado si adatta perfettamente ai piedi di chi lo indossa.  Ciò causa forti fastidi e dolori che spesso impediscono una fluida e confortevole sciata.

La nostra ormai ventennale esperienza ci ha insegnato che difficilmente uno scarpone si adatta perfettamente al piede di chi lo indossa.

Questo succede per svariati motivi: da un possibile acquisto sbagliato od affrettato, alla particolare forma del piede, ad una deformazione del piede nel tempo, ma anche e soprattutto perché ogni piede è unico.

A volte queste imperfezioni possono essere minime e quindi sopportabili, più spesso il dolore provocato rende impossibile sciare con naturalità o lo impedisce del tutto. L’unica e più immediata soluzione sembra essere la più dispendiosa: acquistare un paio nuovo di scarponi.

Personalizzare uno scarpone, significa intervenire esternamente sullo scafo in plastica o internamente sulla scarpetta.

Ogni casa produttrice commercializza una serie infinita di calzature con un’ampia gamma di differenze di durezza, imbottiture, forma, volume.

Scarponi Race

Hanno volume interno ridotto, per minimizzare peso ed aumentare la risposta ai movimenti del piede.

Scarponi turistici

Scarponi da sci in cui si privilegia la comodità con scarpette molto imbottite e volumi più ampi.


Va notato che da alcuni anni, anche i metodi costruttivi sono cambiati, oggi si utilizza sempre più spesso la BI-INIEZIONE, che permette di fondere molecolarmente nella struttura dello scafo, due materiali di durezza differenti.

Permette quindi di rinforzare particolarmente zone differenti per aumentare il trasferimento di energia senza comprometterne la flessibilità. Attualmente è una tecnologia molto sfruttata nella realizzazione dei gambetti, per aumentare il rinforzo laterale e torsionale e di conseguenza stabilità e controllo.

I materiali sono in genere polimeri quali:

  • Poliuretano ad alta densità – per ottenere scafi molto rigidi e resistenti ad urti ed abrasioni.
  • Polietere – Polimero elastico, leggero reattivo e resiliente con un flex superiore, reattività veloce e alta elasticità
  • Polytec Lite – Il polimero più leggero, ideale per la costruzione di scarponi junior o da adulti, ove il peso ( e del materiale e dell’utilizzatore ) gioca un ruolo importante