Lo scarpone da sci è formato da diversi componenti, ciascuno dei quali assolve ad una precisa funzione, compresi i vari e disparati meccanismi che lo compongono, ed hanno il preciso scopo di regolare e migliorare, se necessario, le prestazioni dello sciatore.

La regolazione dei meccanismi permette allo scarpone di adeguarsi alle esigenze anatomiche ed alle caratteristiche tecniche dell’utilizzatore, ma alcune di queste regolazioni vanno eseguite con una certa cura, poiché possono interagire tra loro.

Canting

Presente su quasi tutti gli scarponi in commercio, è un meccanismo che permette di adattare il gambetto all’angolazione naturale della tibia, per consentire allo sciatore un appoggio ottimale rispetto al piano trasversale.

Questa regolazione va eseguita solo in presenza di marcate anomalie morfologiche della tibia, poiché una regolazione eccessiva o non necessaria si ripercuote su tutto l’assetto e comunque va eseguita da personale esperto. Tutti gli scarponi vengono assemblati e commercializzati con angolazione neutra, regolabile da +3° a -3°.

Flex Control

Meccanismo che varia la resistenza in avanti del gambetto e può essere regolata in base al peso, all’agilità od al tipo di sciata del cliente. Nel caso non sia presente il meccanismo specifico, occorre intervenire sulle plastiche con attrezzature specifiche.

Non va confuso con il Flex dello scarpone, che riguarda il materiale costruttivo.

Inclination Control

Regola l’angolo di inclinazione della tibia rispetto al piano d’appoggio. Può essere necessario per chi ha un polpaccio pronunciato. Notare che gli scarponi Racing hanno inclinazione più pronunciata rispetto a quelli turistici.

Walk Ski

Meccanismo che Blocca/Sblocca il gambetto per calzare lo scarpone o per la camminata.

Custom Arch

Meccanismo che permette di adattare il sottopiede all’arco plantare.


Altri meccanismi o particolari regolabili presenti possono essere i supporti tibiali, gli spoiler posteriori, le zeppe regolabili o le leve micrometriche ed altri ancora.